Chiusura della campagna elettorale del Sottosegretario all’Interno Gianpiero Bocci a Verchiano: “In questo periodo abbiamo lavorato con una squadra straordinaria e commovente, che ritengo la speranza più bella. Sono rimaste le ultime ore per convincere la gente e spiegare che è in gioco il futuro della nostra Nazione e della nostra Regione”

Dopo aver percorso migliaia di chilometri su tutto il vasto territorio del collegio Umbria 2 che va da Città di Castello,passando per Gubbio fino ad arrivare a Trevi, attraversando Assisi, Montefalco e Foligno, compresa la Valnerina, il Sottosegretario all’Interno Gianpiero Bocci, candidato alla Camera dei Deputati per il centrosinistra, conclude a Verchiano, come da consuetudine, il suo lungo tour elettorale. In questa intensa quanto complessa campagna elettorale che lo ha portato ad incontrare migliaia di persone, città dopo città, ascoltando le loro richieste, preoccupazioni e criticità, il Sottosegretario si è anche confrontato con oltre cinquanta aziende del territorio per cercare di capire esigenze e istanze di cui farsi portavoce. Con un sorriso stampato in faccia, l’On. Bocci prende la parola in una serata conviviale davanti a centinaia dei suoi sostenitori e afferma conciso: “Questa campagna elettorale, che è stata molto dura, dopo una battaglia voto dopo voto, va trasformata in una giornata di festa per il centro sinistra dopo il 4 marzo. L’appuntamento elettorale che ci troviamo di fronte possiamo vincerlo solo se utilizziamo le ultime ore rimaste per fare un’opera di convincimento e spiegando alla gente e soprattutto agli indecisi, che è in gioco il futuro della nostra Nazione e Regione. Siamo lì lì. Non vi fate illusioni, non ci facciamo illusioni. In questo periodo abbiamo lavorato tutti insieme con una squadra straordinaria e commovente, che ritengo la speranza più bella. Ringrazio in particolar modo i parlamentari uscenti, Gianluca Rossi e Marina Sereni, che mi hanno sostenuto in questa campagna, e con cui condivido sentimenti che vanno al di là del progetto politico,e che rappresentano per questa regione un patrimonio umano importante. E poi volevo ringraziare anche gli amici e tutti coloro che mi hanno sostenuto tra cui Donatella Porzi presidente dell’Assemblea legislativa, Luca Barberini assessore regionale alla Salute, Coesione sociale e Welfare e Eros Brega consigliere regionale, oltre a Maria Rita Lorenzetti, tutti insieme uniti con un unico obiettivo”. L’intervento di apertura del segretario Pd di Foligno Carlo Schoen si è invece concentrato sul percorso intrapreso in questi anni di governo di centrosinistra, asserendo che “da domani inizia un altro percorso: l’unico voto utile è quello del Partito democratico. In questi cinque anni abbiamo intrapreso un cammino enorme verso la civiltà avendo tutte le forze politiche contro il Partito democratico. Bocci è tutti quanti noi. La sua elezione è la nostra elezione”. All’europarlamentare David Sassoli è stata invece affidata la chiusura dell’incontro elettorale a sostegno del candidato Gianpiero Bocci, unica vera persone capace e in grado di continuare con impegno e serietà il grande lavoro svolto finora dal Governo di centrosinistra di cui lui è un esponente in qualità di Sottosegretario al Ministero del’Interno. E poi annuncia: “La vera campagna elettorale comincia ora, dobbiamo convincere gli indecisi, che sono loro che possono fare la differenza. Solo il Partito democratico e la sua coalizione sono in grado di garantire una tenuta democratica. La responsabilità che abbiamo è quella di continuare a tenere accesa la fiammella che ci ha permesso di uscire dal tunnel della crisi. Non dobbiamo cadere nella trappola di una comunicazione non veritiera Un appello quindi alla responsabilità e la moralità di ciascuno di noi perché non possiamo permetterci di tornare indietro. Il futuro e la qualità della nostra vita dipenderà dalle scelte che faremo domenica 4 marzo”.