Giornata di chiusura della competizione elettorale a Gubbio. L’On. Bocci: “L’obiettivo è vincere ma anche ricostruire una comunità dove tutti si sentono a casa loro”. E poi fa un appello al “buon padre di famiglia” per proseguire il lavoro del Governo

Nell’ultima giornata di campagna elettorale il Sottosegretario all’Interno Gianpiero Bocci in un’iniziativa organizzata a Gubbio insieme a Giampiero Giulietti e l’eurodeputato David Sassoli, esordisce esprimendo gratitudine al popolo del Pd e sostenendo che i cittadini chiedono di superare le divisioni. E poi continua: “Se la nostra comunità fosse stata unita, la nostra campagna elettorale sarebbe stata più semplice. I democratici devono avere la bontà di rendere omaggio ad una generosità che va oltre al Partito democratico. Il nostro popolo non è solo il Pd, è un popolo moderato che ha compreso la trasformazione del centrodestra e dei laici che non vogliono far vincere la destra: questa campagna elettorale sarà la premessa per ricostruire una grande comunità in questo paese. L’obiettivo è vincere ma anche ricostruire una comunità dove tutti si sentono a casa loro. Evitiamo di consegnare il Paese ad una classe dirigente pericolosa, si pensi a questo in una battaglia decisiva”. E poi fa un appello al “buon padre di famiglia”, per proseguire il lavoro del Governo. A coordinare l’appuntamento elettorale il consigliere regionale e segretario Pd di Gubbio, Andrea Smacchi, mentre al sindaco di Gubbio Stirati il compito di aprire i lavori, mettendo in luce l’impegno per il rilancio del territorio della fascia appenninica. “Serve una ripresa programmatoria per i nostri territori. Sarà possibile se avremo un quadro di agibilità politica che passa dalla vittoria del Centrosinistra che ha fatto una campagna elettorale con cultura di governo e non con ricette irrealizzabili”. Da Stirati arriva poi il riconoscimento al lavoro del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, che ha portato al finanziamento della riqualificazione di Palazzo dei Consoli. Dopo l’intervento di don Angelo Fanucci, Giampiero Giulietti ha riassunto la sua campagna elettorale: “Sono elezioni che avranno un ruolo fondamentale per i prossimi appuntamenti elettorali. Questo è un motivo in più affinché nella campagna ci siano argomenti che ci riguardano, soprattutto sul lavoro. Dobbiamo parlare di questo, dando prospettive e non lucrando voti sulla paura”, evidenziando il gioco di squadra da fare per concretizzare la crescita. L’europarlamentare David Sassoli, lancia un appello per gli indecisi sostenendo che “queste elezioni sono molto speciali, sentiamoci ancora di più in campagna elettorale, dobbiamo sfidare l’indecisione con la responsabilità. Qui c’è di mezzo il nostro Paese e il 4 marzo si gioca un pezzo del suo futuro”.